cosa-mettere-nello-zaino-da-montagna_800x364

Come evitare di perdersi in montagna 

Le escursioni in montagna sono molto piacevoli, per chiunque ami l’aria pulita e i paesaggi fantastici che solamente il contesto delle montagne può regalare. Se viaggiare e fare escursioni in alta quota o in mezzo ai boschi, da soli o con amici o in famiglia, è sicuramente fantastico, bisogna però fare molta attenzione a non perdersi in montagna. Certo, parlare di ‘perdersi’ in un contesto in cui siamo sempre ricchi di device tecnologici come cellulari e tablet può sembrare assurdo, ma invece non lo è. Infatti capita spesso che in montagna i cellulari non prendano, e se ci si avventura senza conoscere il territorio e magari da soli, il rischio di perdere il sentiero è abbastanza reale. Perdersi nei boschi ed in montagna può essere abbastanza spaventoso, specialmente se ci si allontana dai tracciati e ci si confonde. Non sempre ci sono abbastanza cartelli segnaletici, che in genere rimangono nei pressi dei cammini e dei sentieri tracciati, quindi una volta persi recuperare l’orientamento può essere abbastanza difficile. 

In questi casi, non rimane altro da fare che affidarsi ai mezzi di orientamento naturale, come ad esempio le mappe, le bussole, o anche il sole. 

Tuttavia, evitare di perdersi in montagna è sempre la soluzione migliore. Se si riesce a far sì di non trovarsi in una situazione simile, è molto meglio: e non è così impossibile prevenire certe disavventure, basta pianificare con largo anticipo la camminata e l’escursione e portare con sé qualche strumento tecnologico e qualche bussola, ma anche strumenti tradizionali come le mappe che possono aiutare ad orientarsi. 

Se quindi state per organizzare una bella escursione in montagna ma non siete degli esperti, o viaggiate da soli, allora la soluzione ideale è quella di optare per qualche buon consiglio per pianificare al meglio l’esperienza ed evitare brutte sorprese.  

Pianificare il viaggio prima di partire 

 Può sembrare molto scontato, ma in realtà molte persone non pianificano minimamente il viaggio prima di partire per la montagna. 

Tante volte si parte all’avventura, con un po’ di superficialità, e si dimentica invece che la montagna richiede rispetto e preparazione, umiltà e attenzione. Anche quando non è la prima volta che affrontate un’escursione. Prima di partire, quindi, attrezzatevi e studiate il percorso che dovete fare: conoscete dove porta, quanto è lungo, quali dislivelli ci sono, quanto è impegnativo, se ci sono delle zone dove sostare lungo il percorso oppure no. Studiate se ci sono pericoli (strade non sterrate, strapiombi, zone molto ripide) o se c’è nella zona la presenza di alcuni animali selvatici, come serpenti, orsi, lupi e via dicendo. 

Ovviamente, controllate sempre le previsioni meteo fino al giorno stesso della partenza e valutate di programmare l’escursione per un altro giorno se per caso ci sarà quasi sicuramente pioggia. 

Per non perdersi durante l’escursione in montagna, valutate di acquistare mappe per escursionismo in montagna e anche di saperla leggere (non è così scontato) in modo da conoscere bene il luogo dove vi addentrate, l’altitudine, la presenza di percorsi alternativi. 

 Escursione: quali oggetti portare con sé 

 Quali oggetti portare con sé quando si parte per un’escursione in montagna? Ovviamente la mappa, lo zaino con tutto quello che vi occorre – dalle scorte di cibo fino alle pomate contro le zanzare, senza mai dimenticare un piccolo basilare kit del pronto soccorso che potrebbe tornarvi utile se vi procurate qualche ferita – acqua e torcia, fiammiferi, accendino. Portate anche una bussola, un gps portatile che vi potrà tornale utile, un fischietto per segnalare la vostra presenza ed una corda. Ovviamente, il vestiario deve essere adatto: negli ultimi anni si sentono molti turisti partire per la montagna con shorts o scarpe da ginnastica. Si rischia nel migliore dei casi una gran fatica, nel peggiore qualche brutta storta o ferita e un brutto ricordo dell’esperienza in montagna, quindi vestitevi adeguatamente e portate con voi, anche d’estate, dei vestiti in più. Se per caso vi perdeste e foste costretti a passare la notte all’aperto, avrete con voi una coperta o dei pile per proteggervi. Portate una giacca impermeabile, perché in montagna il tempo cambia rapidamente, ed anche un cappellino, occhiali da sole, una crema per proteggervi dalle scottature. Siete pronti per la vostra seria escursione in montagna.